Category: Cucina Giapponese

Sushi Misto

Vademecum del sushi: cinque regole importanti per consumare questa specialità

18/01/2021

Piatto tipico della cucina tradizionale giapponese, il sushi si è diffuso, soprattutto negli ultimi anni, anche in occidente, raggiungendo un’elevata popolarità e trasformandosi in una vera e propria tendenza. Al punto che oggi si trovano praticamente ovunque sushi bar dove la nota specialità giapponese viene servita come aperitivo, oltre a ristoranti, etnici e non, che propongono ogni possibile variante di sushi, persino vegetariana e vegana.

 

Gli estimatori di questa prelibatezza sanno bene che non tutto il sushi disponibile in commercio è raccomandabile, e che per gustare tutta la fragranza e l’aroma di questo alimento singolare è necessaria la qualità elevata di ogni ingrediente e la massima cura nella preparazione. Ma non solo: anche la consumazione stessa del sushi richiede una certa cura e il rispetto di alcune semplici regole.

 

Prima di tutto, il sushi si gusta con le bacchette tradizionali ma, per chi avesse poca dimestichezza nel manovrarle, è possibile ricorrere direttamente alle mani, considerando che in Giappone si tratta di un vero e proprio finger food. Si raccomanda invece di evitare, se possibile, l’uso delle posate, e soprattutto di non usare le bacchette per infilzare i bocconi.

 

Un’altra regola fondamentale è quella di mangiare i bocconcini di sushi in una sola volta, senza morderli: per questo, il sushi migliore viene confezionato in bocconi di dimensioni ideali, da finire subito senza necessità di spezzarli. Se proprio fossero troppo grandi, è opportuno chiedere al cameriere di tagliarli.

 

Talvolta, si consuma sushi preparato con varietà di pesce differenti. Per passare da un sapore all’altro senza comprometterne le caratteristiche, gli chef consigliano di masticare un piccolo frammento di zenzero, che purifica il senso del gusto e permette di gustare in successione sushi preparato con pesci diversi.

 

Consumando il sushi si raccomanda di non eccedere con la salsa di soia, anzi, in realtà solo il pesce dovrebbe essere immerso nella salsa di soia, mentre nel caso del sushi roll, si consiglia di limitarla al minimo. È invece inutile aggiungere il wasabi durante la degustazione, in quanto costituisce già un ingrediente del sushi stesso. Wasabi e salsa di soia non devono mai essere mescolati.

 

Chi ama accompagnare la cucina giapponese con il sakè può farlo, ma è da evitarsi per le specialità a base di riso, trattandosi di una bevanda prodotta proprio con il riso.

 

Il nostro ristorante giapponese a Milano propone una ricca scelta di sushi, sashimi e specialità giapponesi di alto livello, offrendo tutti i suggerimenti utili per la consumazione. Accogliamo i clienti in un locale piacevole e raffinato in zona San Siro e utilizziamo solo pesce freschissimo e ingredienti garantiti per la qualità elevata.

 

 

Birra Giapponese: scopri le nostre Asahi e Sapporo

04/01/2021

La Birra Giapponese ha una propria storia. Nello specifico, ci possiamo riferire in particolar modo alla Asahi e alla Sapporo, di cui vi parleremo in questo articolo. Gustare una buona birra giapponese al ristorante e abbinarla ai piatti vi permetterà di riscoprire un nuovo sapore per il vostro palato!

Birre Giapponesi: ecco cosa sapere a riguardo

Se state pensando di andare a mangiare per la prima volta al ristorante giapponese, o semplicemente desiderate provare la birra del Giappone, possiamo parlarvi delle più famose, ovvero la Sapporo e la Asahi. Come è realizzata la birra giapponese? Quali sono gli ingredienti e i processi di fermentazione?

La birra giapponese è indubbiamente una delle bevande alcoliche più popolari in Giappone. Pensate che, in quanto a popolarità e uso, in alcune regioni, a partire dalla metà del XX secolo, se ne fa un largo consumo più del sakè stesso, simbolo del Giappone. La  birra Asahi, per esempio, è molto diffusa ed è preparata con ingredienti base, come acqua, luppolo, orzo e malto. Si utilizza il lievito Asahi No 318.

Asahi e Sapporo: alla scoperta delle birre più famose

Vi interesserà sapere che molte birre giapponesi sono prodotte all’estero. La Sapporo, ad esempio, è prodotta in Canada. Vi abbiamo parlato un po’ della Asahi, ed è giusto introdurre anche un’altra birra, ovvero la Sapporo. Ci troviamo di fronte forse a una delle marche più famose.

È prodotta sin dalla fine dell’800. La società giapponese ha cinque birrifici di Sapporo in Giappone, ma ne ha anche il Canada, a La Crosse e nel Wisconsin. La Sapporo detiene il primato: è la prima birra giapponese venduta in America. All’interno della Sapporo, troviamo i classici ingredienti: acqua, orzo, luppolo e malto. Il processo per realizzare le birre giapponesi è molto simile al Sakè.

Ci sono altre birre giapponesi? Sì, per esempio la Kirin, che è stata sviluppata per la prima volta nel birrificio della Spring Valley. Sulle lattine, oltretutto, troviamo alcuni simboli della stagione giapponese; le foglie di acero e i sakura. La birra giapponese è decisamente da assaggiare, magari abbinandola a un buon piatto della tradizione.

Per coloro che vogliono scoprire le ricette della cucina giapponese, Miyama può proporre numerosi piatti, dal sushi al sashimi, fino alle tradizionali pietanze calde del Giappone. Un tripudio di sapori e di gusto: vi invitiamo a venire nel nostro ristorante per scoprire di più!

 

 

Barca Ristorante Giapponese

Miyama: servizio di cucina d’asporto e take away

21/12/2020

Con il perdurare dell’emergenza sanitaria, anche la possibilità di uscire a pranzo o a cena nel proprio ristorante preferito è momentaneamente preclusa, a causa della chiusura di pubblici esercizi e ristoranti.

 

Anche il nostro ristorante giapponese di Milano, naturalmente, ha dovuto rispettare quanto stabilito dalle autorità governative, osservando i periodi di ingressi contingentati e di chiusura.

 

Cosa può fare, quindi, chi sente il desiderio di un pranzo o una cena giapponese, o si una ricca degustazione del migliore sushi, in un periodo difficile e complesso come questo?

 

Noi di Miyama ci siamo organizzati al meglio per garantire sempre un servizio completo e accurato, e per permettere ai nostri clienti di gustare sempre e comunque i migliori piatti della gastronomia giapponese anche durante il periodo di chiusura al pubblico.

 

Siamo infatti in grado di proporre il servizio di cucina take away, sia a pranzo che a cena, con possibilità per i nostri clienti di scegliere tra i piatti proposti dal nostro menù o di preordinare le specialità preferite via telefono o whatsapp.

 

Abbiamo inoltre predisposto un servizio di delivery a domicilio che copre la nostra zona di riferimento: consigliamo quindi, in fase di prenotazione, di verificare se il proprio recapito rientra nell’area predisposta per la consegna a domicilio.

 

Cucina d’asporto a pranzo e a cena

 

Grazie alla cucina take away, è possibile gustare le nostre migliori specialità a casa, in ufficio o in qualsiasi luogo, e concedersi una pausa piacevole, rilassante e saporita anche con i ristoranti chiusi.

 

Contattando i nostri recapiti, telefono o whatsapp, è possibile ordinare i piatti preferiti, chiedere la quantità desiderata e accordarsi con precisione per il momento del ritiro.

 

Con questo servizio, e con la consegna a domicilio, intendiamo offrire ai nostri clienti la possibilità di assaporare anche in questo periodo la migliore cucina del Giappone, sempre con la garanzia della qualità elevata di ogni ingrediente e della massima freschezza.

 

I piatti vengono preparati al momento e confezionati con materiali appositi per mantenerli in perfette condizioni, accompagnati dal proprio vino preferito e da tutti gli accessori utili ad allestire una cena o un pranzo in stile giapponese al cento per cento.

 

 

 

Sushi, sashimi e specialità del Giappone

 

La nostra cucina è a disposizione per preparare sushi e sashimi a regola d’arte, come vuole la tradizione, e per proporre degustazioni e piatti particolari, selezionando i migliori ingredienti e rispettando le tecniche di preparazione, di cottura e di presentazione, per ricreare anche a casa l’atmosfera raffinata del nostro ristorante.

Sushi Misto

Miyama servizio a domicilio Delivery

30/11/2020

Ecco che, improvvisamente, ti assale la voglia di una cena giapponese perfetta e curata in ogni dettaglio, dall’antipasto al dessert, oppure di gustare il sushi durante la pausa pranzo o in un momento di relax. Ma purtroppo, hai dimenticato che in questo periodo i ristoranti sono chiusi e, di conseguenza, sei costretto a rinunciare al tuo desiderio.

 

In realtà non è così: grazie al nostro servizio di cucina giapponese a domicilio a Milano, oggi puoi ricevere direttamente a casa, o presso il tuo luogo di lavoro, i nostri piatti e le nostre specialità, ordinare un intero menù o scegliere il sushi che più ti piace per la tua pausa pranzo, e gustarlo in tutta tranquillità.

 

Miyama è il nostro ristorante giapponese di Milano situato in zona San Siro, che ti offre ogni giorno una ricca scelta delle migliori specialità gastronomiche del Giappone, con un focus particolare verso il sushi e il sashimi, preparati secondo la tradizione e con ingredienti freschissimi e selezionati.

 

Nel momento in cui desideri gustare le nostre specialità, anche in questo periodo di chiusura, non devi fare altro se non chiamarci e verificare se il recapito presso il quale vuoi ricevere il pranzo o la cena rientrino nella zona coperta dal nostro servizio di delivery.

 

Pranzo e cena in perfetto stile giapponese direttamente a casa tua

 

Per una serata in stile giapponese, un pranzo con le nostre specialità o un aperitivo accompagnato dal miglior sushi, chiamaci al telefono o inviaci un messaggio whatsapp: se il tuo indirizzo è incluso nella nostra zona di delivery, provvederemo ad organizzare tutto nel più breve tempo possibile.

 

Riceverai direttamente al recapito da te indicato i piatti che preferisci, eventualmente accompagnati dai nostri vini, completi di tutti gli accessori necessari alla degustazione.

 

Naturalmente, se la tua casa o il tuo ufficio si trovano al di fuori della nostra zona di consegna, puoi comunque ricorrere al servizio d’asporto, ordinando in anticipo le tue specialità preferite o scegliendo quello che trovi nel nostro menù d’asporto.

 

Siamo aperti sia a pranzo che a cena: ordina i tuoi piatti via telefono o whatsapp, e accordati con noi per il ritiro presso il nostro ristorante.

 

Il servizio di consegna a domicilio e il servizio di cucina giapponese take away sono sempre attivi e garantiti e costituiscono la nostra soluzione alternativa per gustare la migliore cucina del Giappone anche in un periodo in cui non è possibile frequentare ristoranti e pubblici esercizi.

 

 

Miyama a casa tua: servizio d’asporto e servizio a domicilio

16/11/2020

Purtroppo, per chi ama uscire spesso a pranzo o a cena e provare l’emozione di nuovi sapori, si può dire che questo periodo non sia per niente dei migliori, con i ristoranti chiusi o disponibili solo per il servizio a domicilio e il take away.

 

D’altra parte, è anche vero che questa può essere l’occasione giusta per gustare le proprie specialità preferite direttamente a casa, in ufficio o in qualsiasi altro luogo: la consegna a domicilio permette infatti di disporre del pranzo o della cena entro breve tempo, e al recapito desiderato.

 

Anche Miyama, il ristorante giapponese di Milano dedicato agli appassionati di questa cucina unica e speciale, propone ai propri clienti un servizio accurato e completo di consegna a domicilio del menù preferito o, in alternativa, di take away.

 

Questo servizio è stato organizzato appositamente per superare un periodo complicato come quello attuale e per consentire comunque ai nostri clienti di non rinunciare al piacere del sushi e dei migliori piatti della cucina giapponese, a casa o in qualsiasi luogo: l’importante è che l’indirizzo indicato per la consegna rientri nella zona coperta dal nostro servizio Delivery.

 

Vuoi mangiare giapponese? Scopri i nostri servizi alternativi in tempo di chiusura

 

Anche se non è possibile mangiare al ristorante, perché rinunciare alla migliore cucina giapponese? Puoi ordinare il tuo menù preferito via telefono o semplicemente con un messaggio whatsapp, preferibilmente nelle ore pomeridiane, per la sera stessa o per il giorno dopo. È importante, nel momento in cui ci chiami, che tu ci dia subito le informazioni riguardo al recapito, per verificare che sia incluso nell’area urbana definita dal nostro servizio di delivery.

 

Se ciò non fosse possibile, non preoccuparti: puoi comunque usufruire del nostro servizio di take away e cucina d’asporto, che ti permette di acquistare direttamente presso il nostro ristorante i tuoi piatti preferiti, per gustarli in tutta tranquillità a casa, con la famiglia o gli amici, o in ufficio.

 

Per il servizio d’asporto ti consigliamo di chiamarci al fine di verificare la disponibilità dei piatti che desideri oppure per ordinare una specialità particolare o un quantitativo consistente.

 

Siamo aperti sia a pranzo che a cena, con la possibilità di richiedere un menù completo, una degustazione, oppure di scegliere tra un ricco assortimento di sushi, sashimi, tempura, zuppe e altre specialità caratteristiche della cucina giapponese, accompagnate dai tuoi vini preferiti.

 

Daifuku

Mochi: scopri questo gustoso dolce giapponese

12/10/2020

Il Mochi è uno dei dolci tipici del Giappone, forse uno dei più famosi. Ma come si prepara nello specifico? La cucina giapponese è ricca di varianti e soprattutto di dolci. Sicuramente, il Mochi è uno dei più famosi, ma quali sono le sue origini? Un dolce che conquista tutti, grandi e piccini, e di cui vale la pena parlare.

Mochi: origine del dolce giapponese più famoso

Il dolce Mochi, che si legge Moci, è un piatto che rientra nella cucina giapponese e che offre una consistenza molto particolare; morbida, soffice e gommosa, il mochi è preparato con un riso glutinoso. Anticamente, il Mochi era servito esclusivamente durante determinati eventi e tipi di cerimonie, mentre oggi è molto più diffuso ed è considerato anche un cibo di strada.

Sostanzialmente, per preparare il mochi, andiamo a martellare il riso glutinoso che è cotto a vapore in un mortaio di legno. Il mortaio di legno si chiama Usu, mentre il cucchiaio che andremo a utilizzare ha il nome di Kine. Mochi-Tsuki è il nome esatto della tecnica per preparare questi deliziosi dolcetti.

Come si prepara questo dolce giapponese? Ingredienti

C’è anche un secondo metodo per preparare il mochi: in questo caso, si va ad asciugare totalmente il riso glutinoso fino a ridurlo in una polvere finissima. La farina di riso dolce è diffusa in Giappone; con l’aggiunta dell’acqua, si avranno i nostri mochi. L’originale Mochi è realizzato con fagioli Azuchi.

Siete curiosi di scoprire come preparare il dolce Mochi a casa dopo aver letto le sue origini? Abbiamo pensato che potesse tornarvi utile approfondire gli ingredienti e in parte il procedimento. Avremo bisogno di riso glutinoso, di acqua, di zucchero e di amido di mais. Poi, possiamo pensare anche al ripieno del mochi, dal gelato al cioccolato o ai fagioli.

La farina di riso va mescolata insieme all’acqua, a cui andremo ad aggiungere lo zucchero. Possiamo anche aggiungere il colorante, per rendere di varie sfumature i nostri mochi. L’impasto può essere messo nel microonde per due minuti, per farlo cuocere bene. Controlliamolo, però: potrebbe avere bisogno di qualche altro minuto. Aggiungiamo anche l’amido di mais: dividiamo l’impasto e tagliamolo in quadratini. A questo punto, mettiamoli in frigo e pensiamo al nostro ripieno!

Per coloro che vogliono scoprire le ricette della cucina giapponese, Miyama può proporre numerosi piatti, dal sushi al sashimi, fino alle tradizionali pietanze calde del Giappone. Un tripudio di sapori e di gusto: vi invitiamo a venire nel nostro ristorante per scoprire di più!

 

 

 

Scopriamo le caratteristiche della birra giapponese

25/09/2020

Forse non tutti sanno che una delle bevande più consumate e gradite dai giapponesi non è non il sakè, la celebre e tradizionale bevanda di riso fermentato, ma la birra. Soprattutto negli ultimi tempi, le birre giapponesi sono diventate molto popolari e apprezzate non solo a livello nazionale, ma in tutto il mondo, e molti produttori di sakè hanno esteso l’attività tradizionale a quella di birrificio.

 

Gran parte delle birre locali hanno una produzione stagionale, concentrata soprattutto in autunno, epoca in cui si producono maggiormente le birre dal contenuto alcolico più alto.

 

Vi invitiamo a gustare la migliore birra del Giappone per accompagnare le specialità proposte dal nostro ristorante giapponese. Tuttavia, la birra non costituisce comunque una novità per il Giappone: era già conosciuta, consumata e prodotta intorno al 1600.

 

Le principali varietà di birra giapponese

 

Le birre giapponesi più note anche in occidente, tra cui i rinomati marchi Sapporo, Asahi e Kirin, rientrano nella categoria delle birre Lager a bassa fermentazione, e vengono prodotte con metodi occidentali. Le birre di riso, la cui tecnica produttiva è simile a quella del sake, sono piuttosto chiare e leggere, con un retrogusto lievemente amaro.

 

Le birre artigianali in Giappone vengono prodotte da poco più di 20 anni, oggi i microbirrifici del Giappone sono abbastanza numerosi e offrono un prodotto di alta qualità, molto apprezzato anche al di fuori dai confini nazionali.

 

Le diverse varietà di birre giapponesi si distinguono per la quantità di malto che contengono: la normativa locale, molto precisa, permette di chiamare “birra” solo le bevande la cui percentuale di malto superi il 67%.

 

Al di sotto di questa percentuale, non si tratta di birra ma di happoshu: anche le birre importate dall’estero che non superino tale soglia, vengono etichettate e categorizzate come happoshu.

 

Negli ultimi anni è nata anche una birra a base di soia, inserita nella categoria di bevande dette happousei in quanto non rientra nelle due precedenti.

 

Birre artigianali e microbirrifici

 

La possibilità di produrre artigianalmente la birra concessa dalla normativa giapponese verso la metà degli anni Novanta ha consentito la nascita e lo sviluppo di oltre 200 microbirrifici che oggi producono ogni genere di birra.

 

Grazie alla collaborazione tra le piccole imprese e la concessione delle licenze anche a ristoranti e bar, attualmente in Giappone coesistono tranquillamente sia i grandi marchi industriali, sia i produttori artigianali e i microbirrifici.

 

La popolarità della birra in tutto il Giappone viene confermata anche dal grande afflusso di pubblico nei diversi festival organizzati ogni anno, in particolare a Tokyo, a Osaka e a Yokohama.

 

 

Come mangiare con le bacchette

Cucina giapponese: ecco quali sono gli utensili indispensabili

07/09/2020

Spesso, chi ha provato la migliore cucina del Giappone, magari durante un viaggio, oppure nel nostro ristorante giapponese, o ancora a casa di un amico giapponese, desidera sperimentare personalmente la preparazione di qualche piatto tipico.

 

La cucina giapponese non è delle più semplici, soprattutto se l’intento è quello di raggiungere un risultato eccellente, tuttavia, per chi ha pazienza, preparare qualche specialità può essere una piacevole soddisfazione.

 

Poiché la cucina tradizionale Giappone è molto differente da quella dell’Occidente, prima di iniziare consigliamo di dotarsi di alcuni utensili indispensabili per la preparazione delle specialità più classiche, oltre ad avere a disposizione, ovviamente, tutti gli ingredienti adatti.

 

La cuoriciso elettrica

 

Uno dei piatti più noti e graditi anche agli occidentali è senza dubbio il sushi. Apparentemente semplice, il sushi in realtà richiede la massima cura, a partire dalla scelta e dalla cottura del riso.

 

In commercio è abbastanza facile trovare riso per sushi di ottima qualità in qualsiasi negozio di alimenti etnici così come al supermercato, per cuocerlo alla perfezione è importante munirsi di una cuociriso elettrico, un piccolo elettrodomestico presente in tutte le case giapponesi.

 

La cuociriso richiede solo di essere riempita con acqua e riso nelle dosi indicate perché provveda a portare a termine la cottura, impostando automaticamente temperatura e tempo. Attenzione: prima di cuocere il riso è necessario lavarlo a lungo e accuratamente.

 

Un set di coltelli giapponesi

 

La produzione di lame affilatissime è un’altra antica tradizione del Giappone, e per tagliare il pesce crudo per sushi e sashimi disporre di un coltello adatto è importantissimo.

 

I coltelli giapponesi sono splendidi da vedere e dotati di lame pregiate e molto costose: per le preparazioni casalinghe è comunque sufficiente un set di coltelli di fascia media.

 

Una piastra elettrica

 

Alcune specialità a base di pesce, come le polpettine di polpo takoyaki, richiedono necessariamente l’uso di una piastra elettrica, peraltro utile anche per diverse altre preparazioni. L’ideale è un modello di dimensioni contenute, versatile e adatto anche da lasciare in tavola.

 

Servizio da sushi e tovaglietta

 

La cucina giapponese, come sappiamo, è anche questione di estetica. Per servire un sushi a regola d’arte, la tavola richiede una grande attenzione ad ogni dettaglio, rispettando naturalmente lo stile essenziale tipico di questo paese.

 

Una tovaglietta di bambù e un servizio classico da sushi in porcellana bianca sono sufficienti a creare una piacevole atmosfera nipponica in ogni casa.

Edamame: scopriamo insieme questo alimento

24/08/2020
L’Edamame è uno degli alimenti più proposti dai ristoranti giapponesi. Ma che cosa sono nello specifico? Ci sono delle modalità di uso? In questo articolo vi parleremo anche delle proprietà dell’edamame: sono ricchi di nutrienti e fanno bene al nostro organismo. Scopri di più su uno degli antipasti tipici della cucina giapponese.

Edamame: cosa sono?

Sfogliando il menù di un ristorante giapponese, tra le prime scelte sicuramente avrete trovato i famosi edamame. È, in effetti, un piatto tipico, che di solito viene servito come antipasto. I fagioli di soia, ovvero gli edamame, sono una fonte di proteine e di vitamine; presentano, infatti, vari benefici e proprietà. I fagiolini di soia rappresentano prima di tutto una fonte ricchissima di proteine di elevata qualità. Sono composti, infatti, da amminoacidi essenziali per il nostro organismo; pensate che 100 grammi di edamame contengono ben 10,9 grammi di proteine. Tra i micronutrienti presenti, invece, citiamo sali minerali e vitamine. I sali minerali presenti sono il calcio, il ferro, il sodio e il fosforo. Invece, per quanto riguarda le vitamine, sono presenti in gran numero la B e la C, ma anche moltissimi antiossidanti e flavonoidi. Gli antiossidanti sono essenziali per un corretto regime alimentare, per rafforzare il nostro sistema immunitario e per mantenerci giovani e in salute.

Come mangiare e quali sono le loro proprietà

Come cucinare gli edamame? Possiamo semplicemente aggiungere in una pentola qualche tazza di acqua, un pizzico di sale e i nostri edamame: li faremo cuocere per circa cinque minuti, non di più, poiché sono estremamente teneri. Non facciamoli cuocere troppo; non devono infatti perdere la loro tipica consistenza. Possiamo servirli come contorno oppure saltarli in padella con salsa di soia e semi di sesamo. C’è anche l’alternativa per cui possiamo acquistare i nostri edamame surgelati; a questo punto, invece, possiamo semplicemente scongelarli, poiché sono precotti, e saltarli in padella come più vogliamo: anche con un filo di olio e di sale. Il sale va dosato però molto attentamente; potremmo ottenere altrimenti un sapore troppo forte e deciso! Per coloro che vogliono scoprire le ricette della cucina giapponese, Miyama può proporre numerosi piatti, dal sushi al sashimi, fino alle tradizionali pietanze calde del Giappone. Un tripudio di sapori e di gusto: vi invitiamo a venire nel nostro ristorante per scoprire di più

Categories: Cucina Giapponese

Sushi Misto

Segui i nostri consigli per riconoscere un sushi di qualità

03/08/2020

Il sushi è la specialità giapponese più nota e diffusa in Occidente, al punto da essersi trasformata in una vera e propria tendenza. Oggi è possibile gustare questo piatto tipico nei ristoranti giapponesi specializzati così come nei sushi bar oppure acquistarlo già pronto al supermercato, mentre i più creativi e curiosi possono trovare gli ingredienti per prepararlo da sé.

 

Per quanto molti lo apprezzino senza quasi conoscerne gli ingredienti di base, il sushi ha una storia molto antica, al punto che sulle sue origine esiste una certa confusione. Si può dire che il sushi abbia radici nell’antica Cina, dove il pesce, per favorirne la conservazione, veniva fatto fermentare nel riso, con salsa di soia e wasabi.

 

Il sushi attuale viene preparato in tantissime varianti, gli ingredienti principali restano tuttavia pesce crudo, riso, alga Nori e alcune verdure. Il sushi viene servito in piccoli bocconi da mangiare con le bacchette o direttamente con le mani, accompagnato da wasabi e salsa di soia.

 

Il nostro ristorante giapponese di Milano propone una ricca varietà di sushi, preparato pochi minuti prima di essere portato in tavola con ingredienti selezionati e pesce freschissimo, garantito per l’alta qualità. Per chi è solito consumare il sushi in diversi locali pubblici o acquistarlo d’asporto, si raccomanda di prestare la massima attenzione alla qualità, proprio perché la presenza del pesce crudo richiede la freschezza assoluta.

 

Il riso è l’ingrediente fondamentale del sushi: deve essere compatto ma non appiccicoso, ideale quindi per essere consumato come finger food, con un leggero aroma di aceto. Per il pesce, naturalmente, è importante esigere la massima freschezza: il colore deve presentare la sfumature naturali, con la pelle lucida e un piacevole aroma di mare. Infatti, entrando in un ristorante giapponese di qualità, la percezione non deve essere quella di un odore di pesce poco gradevole, ma di un aroma delicato e fresco.

 

Il wasabi originale viene preparato con una radice di non facile reperimento, per cui può capitare che venga sostituita con rafano e con l’aggiunta di un colorante verde. Un wasabi di qualità ha un aroma dolce e un gusto molto intenso e viene preparato con radici grattugiate poco prima di essere servito. Anche la salsa di soia deve essere fresca, e non preconfezionata, inoltre un ottimo ristorante ne suggerisce anche l’uso corretto: solo sul pesce e non sul riso.

 

Il sushi deve essere consumato pochi minuti dopo la preparazione, quando il riso è ancora leggermente tiepido e il pesce fresco: gli chef del nostro ristorante in zona San Siro preparano il sushi al momento dell’ordinazione, servendolo al tavolo non appena il riso abbia raggiunto la temperatura ambiente.